i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Monumento romano storico a Rimini

    L'Anfiteatro romano di Rimini, la cui costruzione risale al II secolo dopo Cristo, era una grade struttura di circa 118 metri per 88, con all'interno una grande arena di 73 metri per 44. Era, come tutti gli edifici del genere, teatro per spettacoli di gladiatori: si calcola che potesse ospitare fino a 12mila spettatori.

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Scopri la storia e informazioni sul monumento

    È costruito un pò periferico rispetto al centro cittadino, in prossimità della spiaggia. L'anfiteatro di Rimini è l'unico superstite nel suo genere in tutta l'Emilia-Romagna.

 L'anfiteatro di Rimini nei secoli è stato accorpato alla cinta muraria della città e usato come struttura militare di fortificazione per resistere agli attacchi dei barbari; adibito ad orto pubblico nell'epoca medievale, è stato usato come cava di materiali da costruzione per secoli. Nel Diciassettesimo secolo fu trasformato in un Lazzaretto.


    Alla fine del Diciottesimo secolo un muratore riminese, Stefano Innocenti, iniziò degli scavi nella zona ma, dopo soli due mesi, a causa delle lamentele e di cavilli burocratici, furono interrotti.

È stato riabilitato solo durante il Diciannovesimo secolo dallo storico Luigi Tonini (lo stesso a cui si deve anche la prima guida di Rimini, nel 1864).

    Purtroppo però, come tanti monumenti riminesi, conobbe la devastazione dei bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale.

Durante gli anni Sessanta è iniziato un programma di restauro: oggi ospita spettacoli e manifestazioni culturali della città. È anche possibile visitarlo, chiedendo l'accesso al vicino Centro di Educativo Italo-Svizzero. Durante i mesi estivi sono invece organizzate visite guidate del sito dal Museo della Città di Rimini.