i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Cosa vedere a Bologna - Basilica di San Petronio

    La Basilica di San Petronio è tra i monumenti più famosi di Bologna ed è, insieme alle due Torri e alla fontana del Nettuno, uno dei simboli del capoluogo emiliano. Si trova in pieno centro, su Piazza Maggiore.

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Monumenti d'Italia: la basilica di San Petronio a Bologna

    basilica san petronioI lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1390, ad opera dell'architetto Antonio di Vincenzo, su un'area ricavata abbattendo otto vecchi edifici. Il progetto iniziale prevedeva un edificio di oltre 224 metri di lunghezza, fu poi bloccato nel 1401 perché avrebbe superato le dimensioni di San Pietro in Vaticano. Ha una pianta a croce latina con tre navate con annesse cappelle laterali. 
La Basilica fu terminata nel 1515, dopo aver cambiato diversi architetti e progettisti. Godette di enorme prestigio e popolarità perché nel 1530 vi si tenne l'incoronazione di Carlo V d'Asburgo a Imperatore del Sacro Romano Impero.

    San Petronio è la sesta chiesa al mondo per dimensioni: è lunga 132 metri, larga 58 e si dice che possa contenere fino a 28mila persone. Si classifica dopo San Pietro in Vaticano, Saint Paul a Londra, la cattedrale di Siviglia, il Duomo di Milano e il Duomo di Firenze. All'intero di San Petronio si trova un monumento estremamente prezioso per la cristianità: si tratta delle “Quattro Croci”. Sono dei simboli antichi che, secondo la leggenda, furono poste da Sant'Ambrogio o San Petronio, su antiche colonne che stavano a delimitare il centro cittadino, tra il Quarto e il Quinto secolo dopo Cristo. Si trovano da sempre a Bologna e furono trasferite a San Petronio nel 1798.