i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Monumenti a Ferrara: Casa di Ariosto

    Nel centro di Ferrara si trova la casa dove Luigi Ariosto – celebre poeta e letterato vissuto a cavallo tra il Quindicesimo e il Sedicesimo secolo – trascorse gli ultimi anni della sua vita e dove finì di scrivere la terza e ultima parte della sua opera più famosa, l'Orlando Furioso, che vide le stampe nel 1532.

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Monumenti: Casa di Ariosto a Ferrara

    Casa Ariosto a FerraraAriosto, originario di Reggio Emilia, morì a Ferrara il 6 luglio 1533. La casa di Ludovico Ariosto si trova nell'addizione Erculea a Ferrara, al numero 67 della via che prende il suo nome. Si tratta di un edificio in mattoni a vista la cui progettazione viene attribuita a Girolamo da Carpi.
 All'entrata si trova un'iscrizione, voluta da Ariosto stesso: «Piccola ma adatta a me, non tributaria ad alcuno, non misera e tuttavia acquistata solo con denaro mio». All'interno della casa si trova un museo dedicato a Ludovico Ariosto dove si possono ammirare la sue sedia, alcuni ritratti e un calco del suo calamaio.
    Un'illustrazione dell'Orlando Furioso di Gustave Doré – famosissimo pittore e incisore francese, noto per le sue illustrazioni della Divina Commedia di Dante – è esposta nel corridoio centrale e risale al 1881. Sul retro si trova un giardino privato che risale al Sedicesimo secolo ma che viene tutt'ora utilizzato per eventi culturali temporanei. La casa di Ariosto è stata restaurata per poter tornare allo stato attuale, che risulta rispettoso delle sembianze dell'epoca. Il museo stesso è stato riorganizzato in occasione delle Celebrazioni per i Centenari Ariosteschi del 1875 e del 1933.