i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Monumenti a Gradara: Castello, Fortezza nelle Marche

    Il castello (o rocca) di Gradara è una fortezza che sorge nell'omonima cittadina delle Marche. Si tratta di uno dei monumenti più visitati della Regione Marche ed è spesso teatro di eventi e manifestazioni culturali e artistiche. Il castello – oggi di proprietà demaniale – risale al Dodicesimo secolo e fu costruito per volere della famiglia dei De Griffo che poi lo persero a vantaggio dei Malatestiana da Verucchio che poi diventarono i signori di Rimini, Cesena e Pesaro.

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Castello di Gradara: Monumenti nelle Marche

    monumenti-marcheLe due cinta murarie che girano intorno al castello – la seconda si estende per circa 800 metri – furono fatte costruire proprio dai Malatesta tra il Tredicesimo e il Quattordicesimo secolo. La Rocca di Gradara restò dei Malatesta fino al 1463: in quell'anno Sigismondo Malatesta fu scomunicato da Pio II e, successivamente, perse il castello contro Federico da Montefeltro che lo vinse in nome e per conto della Chiesa. Quest'ultima lo consegnò poi agli Sforza di Pesaro.
    Da qui iniziò il passaggio di Gradara ad alcune delle famiglie più “famose” del Rinascimento e del periodo comunale italiano: i Della Rovere, i Borgia e i Medici, finché non passò sotto il controllo diretto della Chiesa nel 1641. Nel 1920 la Rocca di Gradara fu acquistata dalla famiglia Zanvettori, che iniziò la ristrutturazione degli edifici. La Rocca, inoltre, è molto famosa perché alcune letture della Divina Commedia dicono che il turbolento e triste amore tra Paolo e Francesca, cantato da Dante nel V canto, avrebbe avuto proprio come teatro il castello di Gradara. Si tratta della vicenda che vide il contrasto di due famiglie romagnole: i Polenta da Ravenna e i Malatesta da Rimini che decisero di suggellare un accordo tramite il matrimonio di Francesca da Polenta e Gianciotto Malatesta. La leggenda vuole però che l'amore sia scoppiato tra il fratello di Gianciotto, Paolo, e la giovane Francesca. Da qui la ripresa di Dante nella Commedia.