i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Monumenti a Bologna: la Fontada del Nettuno

    La fontana del Nettuno, famosissimo monumento bolognese, si trova al centro dell'omonima piazza, di fronte all'ingresso del Palazzo di Re Enzo. La statua è, ormai, diventata il simbolo della città emiliana insieme alle due torri di via Rizzoli. Il Nettuno è una scultura/fontana in bronzo di 3,20 metri di altezza dal peso di circa 22 quintali che raffigura il dio del mare mentre placa le acque.

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Monumenti: la fontana del Nettuno a Bologna

    Monumenti a BolognaIl monumento risale al 1563 e fu ordinato da Papa Pio IV che domandò a Tommaso Laureti, architetto e pittore palermitano, di costruire una fontana nella piazza. Quest'ultimo scelse, per la realizzazione dell'opera, Jean de Boulogne, scultore fiammingo già famoso nella Firenze dei Medici e conosciuto sotto il nome di Giambologna. 

    Per la cifra di mille scudi d'oro l'artista accettò l'incarico, che fu portato a termine nel 1566. Numerose leggende girano intorno al Nettuno di Bologna: si dice che gli studenti che vogliono ottenere un buon risultato, prima di un esame debbano girare intorno due volte, in senso antiorario, alla fontana.

    Questa leggenda è legata a quella che impedisce, agli studenti, di salire sulle due torri prima della laurea, pena l'ottenimento della stessa. Un'altra leggenda dice che Giambologna volesse dotare il Nettuno di un apparato genitale più grande, ma che la Chiesa, visto il progetto, lo proibì. Si dice che, per questo, il gioco ottico che si crea guardando il Nettuno da dietro (il pollice del dio si scambia per il pene eretto) sia dovuto proprio a questa volontà dello scultore.