i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Il Bioparco di Roma

     Bioparco romaIl Bioparco di Roma è uno dei parchi più grandi della città, nonché uno dei più antichi giardini zoologici di tutta Europa: fondato nel 1911 come giardino zoologico, successivamente è stato istituito come Fondazione No Profit, ed oggi è coinvolto con altre realtà internazionali per la conservazione delle specie a rischio di estinzione.
    Il Bioparco attuale è nato nel 1998 con l’obiettivo di avvicinare i visitatori al mondo della natura e sensibilizzarli verso importanti concetti quali la conservazione delle specie animali e degli habitat in cui vivono.
    Situato nel cuore di Villa Borghese, si estende per diciotto ettari ed ospita circa 1.000 animali appartenenti a 200 specie diverse tra Mammiferi, Uccelli e Rettili, inseriti in un contesto botanico tra i più interessanti e suggestivi di Roma.

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Il Bioparco è un luogo in continua evoluzione, visitato ogni anno da oltre 500 mila persone, di cui 50 mila studenti: presenza costante nel ventaglio delle maggiori offerte turistiche di Roma, si propone come interessante alternativa alle tradizionali mete culturali (monumenti, musei, chiese, ecc.), collocandosi tra i primi 5 siti turistici italiani per numero di visitatori e al decimo posto nella classifica nazionale.

    Il Bioparco ha abbandonato l’antico concetto di giardino zoologico come luogo in cui si collezionano animali rari, scegliendo invece di diventare una struttura “attiva” nell’educazione ambientale, attraverso mostre, convegni, corsi, attività di educative, eventi mediatici e i 30 percorsi educativi rivolti alle scuole di ogni ordine e che si snodano all’interno del parco. Inoltre il Bioparco è impegnato anche nel campo della protezione delle specie minacciate di estinzione attraverso l’adesione agli EEP (programmi europei di riproduzione in cattività), e l’adesione a campagne internazionali di sensibilizzazione.

    Il Bioparco offre visite guidate per scuole e gruppi, la possibilità di partecipare a laboratori, giochi all’aperto e al chiuso, di organizzare feste di compleanno, centri estivi, ed inoltre offre punti ristoro e areee pic-nic, inserite nel cuore di Villa Borghese.
    All’interno del Parco sono presenti specie molto rare come l'Antilope, l'Aquila reale, l'Avvoltoio, il Bisonte americano, il Coccodrillo americano, l'Elefante asiatico, il Leone asiatico, il Leopardo, l'Orso bruno, il Pitone reale, la Tigre siberiana.
    L'Oasi del Lago è grande oltre un ettaro e dedicata alle famiglie, è composta da giochi per bambini, un'are pic-nic e un laghetto dove è possibile scorgere le testuggini marine e fenicotteri.

    LA STORIA:

    Il Bioparco nacque nel 1908 ad opera di un gruppo di finanziatori che fondarono la "Società Anonima per il Giardino Zoologico" con lo scopo di creare un luogo di attrazione e spettacolo, per mezzo della grandiosa collezione faunistica: all’epoca, la concezione di Zoo aveva come obiettivo primario il divertimento del pubblico, per mezzo dell'esposizione di animali rari e particolari.
    Il Giardino Zoologico fu realizzato per intero da Carl Hagenbeck, un appassionato commerciante di animali, e dal suo staff che avevano da poco realizzato il famoso Zoo di Stellingen ad Amburgo, considerato all'epoca il massimo della modernità e della spettacolarità, poiché era stato costruito con una nuova concezione di Zoo privo di sbarre, in cui le gabbie venivano sostituite da fossati. La stessa tecnica fu utilizzata anche nella realizzazione dello Zoo di Roma, che divenne in poco tempo uno dei più importanti d'Europa, superando in bellezza anche quelli di Parigi e Berlino.

    Nel 1935 l'architetto Raffaele De Vico inaugurò una nuova area che comprendeva i due fiori all’occhiello del parco, la Grande Voliera ed il Rettilario.
    Durante la grande guerra però la gestione dello Zoo diviene molto precaria ed il suo degrado divenne sempre più evidente. Solo negli anni ‘70 ebbe inizio la ristrutturazione del parco, ma la realizzazione del progetto di riqualifica durò ben 9 anni e la nuova struttura venne inaugurata nel 1983.
    Nell'aprile del 1998 nasce formalmente la Società Bioparco S.p.A. a capitale misto grazie ai finanziamenti del Comune di Roma, della Costa Edutainment e del Gruppo Cecchi Gori: una struttura ampliata, rimasta invariata sino ad oggi.
    Da allora il Bioparco di Roma si prefigge lo scopo di divenire una struttura scientifica e didattico-culturale ad ampio spettro perseguendo la missione di Educazione, Conservazione e Ricerca. Negli anni ha saputo contribuire alla salvaguardia ed alla preservazione delle specie animali in pericolo di estinzione, non solo tramite progetti di ricerca e di riproduzione ma anche, e soprattutto, attraverso l'arricchimento culturale che riesce a trasmettere ai suoi visitatori con una corretta informazione attraverso conferenze, proiezioni e seminari.

    Prezzi per entrare nel parco

    Adulti
      15,00 Euro
    Bambini più alti di un metro fino a 12 anni   12,00 Euro
    Militari e Forze dell'ordine   12,00 Euro
    Accompagnatori invalidi   12,00 Euro
    Over 60 (tranne il mercoledi prezzo ridotto 4 Euro)
      12,00 Euro
    Gruppi di adulti di almeno 15 persone
      12,00 Euro
    Bambini di altezza inferiore a 1mt.   Gratis
    Persone disabili non autosufficienti   Gratis
    Abbonamento annuale per una persona   37,50 Euro
    Abbonamento 1 adulto + 1 bambino   62,50 Euro

    Per le scuole esistono tariffe speciali che cambiano a seconda delle opzioni che si decidono: percorso, guida e periodo. Si consiglia di consultare il sito del parco.
     
    Per informazioni dettagliate anche sugli orari visita il sito ufficiale.

    IL BIOPARCO OGGI:

    Dal punto di vista architettonico, la trasformazione avvenuta all’interno del Bioparco è tangibile soprattutto nelle nuove aree che ospitano gli animali:

    • La Selva dei Lupi, 1.600 mq immersi nel verde dove sono stati accolti cinque lupi provenienti dalla Croazia;
    • Il Villaggio degli Scimpanzé, oltre 4.000 mq che comprendono una palestra a cielo aperto, un percorso didattico su tutto il perimetro dell’area, cinque punti di osservazione (vetrate), una vista dall’alto ed una palestra all’interno.
    • La Clinica veterinaria, creata ex-novo e dotata di una sala operatoria con moderne apparecchiature per interventi chirurgo-odontoiatrici e diagnostica ecografia, che possiede anche un’ambulanza per il pronto soccorso veterinario.
    • La Casa delle Giraffe, il cui nuovo recinto esterno è più che quadruplicato (1500 mq) rispetto al precedente (360 mq).
    • La Valle degli Orsi di 3.500 mq con una cascata ed un ampio specchio d'acqua;
    • L’Area dei Leoni Asiatici in cui vive una coppia di una delle specie animali a maggior rischio di estinzione del pianeta;
    • Il Rettilario, dove, in collaborazione con l'EEP, si sta attuando un progetto di riproduzione e reintroduzione della specie Testudo kleinmanni in Libia: nel 2007 l'impegno dei curatori del progetto ha riportato un grande successo riuscendo a riprodurre in cattività 10 esemplari di questa testuggine. All’interno del Rettilario si trova anche l’importante mostra permanente “Furti di Natura” per sensibilizzare il pubblico sul commercio illegale di animali e piante esotici, un mercato clandestino che si colloca al secondo posto nel mondo dopo la droga, realizzata dalla Fondazione Bioparco di Roma in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.
    • L’ospedale degli Animali gestito dalla Lipu (Lega italiana Protezione uccelli) è un centro di recupero degli animali selvatici.
    • La Valle dei Cuccioli è un centro di cultura-educazione cinofila e di adozione dei cani ospiti dei canili comunali di Roma, realizzato dal Comune di Roma insieme alla Fondazione Bioparco e gestito dall’Ufficio Diritti Animali capitolino.
    • Gli spazi in cui convivono diverse specie: la Savana  (struzzi, antilopi alcine e zebre) e Sud America (mara, tapiri capibara e nandù)

    Inoltre sono davvero tanti gli pazi dedicati alle attività di svago e a quelle didattiche: l’Oasi del Lago, un'area di oltre un ettaro dedicata alle famiglie con un anfiteatro, un'arca di 30 metri con giochi al chiuso, un bar, un'area attrezzata per il pic-nic e un lago dove si riposano gli uccelli migratori, in compagnia di fenicotteri e testuggini acquatiche. Per le attività di laboratorio sono state create appositamente due aule didattiche dove si svolgono attività educative dedicate ai bambini di tutte le età e un Auditorium in cui si organizzano conferenze, proiezioni e seminari. Gli spazi coperti polifunzionali (mostre, eventi, spettacoli) sono: la Sala degli Elefanti, edificio a pianta circolare di 500 mq ed il Teatro del Pinguino, nell’Oasi del Lago, di 200 mq.

    Nel 2003, in occasione dei festeggiamenti del Centenario di Villa Borghese, è stato creato Largo Vittorio Gassman, ricavato grazie ad una nuova perimetrazione del piazzale interno del Bioparco: qui si trova la La Galleria del Parco, una struttura di 800 mq su tre livelli ricavata dal restauro conservativo dell’edificio che ospitava le scimmie antropomorfe. All’interno della Galleria sono stati realizzati un bar, Il Caffè del Parco, un self-service, una caffetteria con sala di lettura ed un roof garden con terrazza panoramica e la Libreria al Bioparco che ha una particolarità: nell’ex gabbia degli scimpanzé è stata creato un mini parco giochi e sala lettura gratuita per bambini.
    Il Ristorante storico (fondato nel 1926), detto “Ristorante di Mascagni”, è stato invece riportato agli antichi splendori attraverso un restauro conservativo.

    Il Bioparco per il sociale:

    La Fondazione Bioparco si prefigge di affrontare temi legati alla solidarietà, utilizzando l’alto valore didattico della conoscenza del mondo animale, realizzando progetti rivolti in particolare ai bambini e alle fasce deboli della popolazione. Un intero ettaro del Parco è stata dedicata al sociale: qui si trova il Municipio della Solidarietà, dove è stato realizzato il Centro Anziani “Nuovi Orizzonti”, il centro di socializzazione per disabili adulti “Durante Noi” e presto sorgerà l’Accademia “L’Arte nel cuore”, il primo progetto europeo di educazione artistica (teatro, musica e danza) rivolto a giovani diversamente abili, integrati con i normo-dotati.
    All’interno del Bioparco è stato inoltre realizzato un percorso sensoriale per non vedenti, che inizia all’ingresso del Bioparco e si snoda per 500 metri lungo il perimetro dell’Oasi del Lago, costituito da strutture tattili tridimensionali e pannelli in braille e fruibile in totale autonomia grazie ad un sistema combinato di corrimano in legno e mattonelle tattili.