i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Le due Torri di Bologna: la Torre degli Asinelli e Garisenda

    Le due torri di Bologna, la Torre Garisenda e la Torre degli Asinelli, si trovano nel centro della città, su via Rizzoli, all'incrocio delle cinque strade che conducono alle cinque porte della città. I nomi dei due edifici sono da attribuire alle due famiglie che ne ordinarono la costruzione, tra il 1109 e il 1119. I documenti dell'epoca però non permettono di risalire alle date esatte.

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Monumenti italiani: le due torri, Bologna

    monumenti a BolognaLa Torre della Garisenda era alta, inizialmente, 61 metri: avrebbe dovuto essere più alta ma lavori iniziati si manifestò, a causa di un cedimento del terreno, la pendenza per la quale oggi è famosa. Dante Alighieri dedicò alcuni versi della Divina Commedia a questa torre. 
Oggi la torre misura 48 metri perché nel 1351, per motivi di sicurezza, fu fatta “accorciare”. Pende di 3,22 metri verso via San Vitale. La torre degli Asinelli è altra 97,20 metri ed è inclinata di 2, 23 metri in direzione di via Rizzzoli.
    Dal Quattordicesimo secolo il Comune di Bologna la utilizzò come prigione e forte. La Torre degli Asinelli fu vittima di incendi (nel 1185 e nel 1398), mentre durante la Seconda Guerra Mondiale fu usata come torre di avvistamento per controllare i bombardamenti sulla città. La città di Bologna resta, comunque, nota per il numero di torri che nei secoli, a partire dal Medioevo, hanno decorato la città. Il primo ad occuparsene in maniera “scientifica” su Giovanni Gozzardini, senatore del Regno d'Italia, nel Diciannovesimo secolo. Gozzardini arrivò a contarne 180, ma si ritiene che i suoi calcoli fossero sbagliati. Studi più recenti ci dicono che il numero massimo di torri a Bologna sia stato di 80-100 unità, ma non tutte esistite contemporaneamente.