i miei preferiti
I tuoi preferiti: clicca su "richiedi preventivo" per inviare in un colpo solo la richiesta a tutti i tuoi preferiti e conoscere la miglior proposta di soggiorno! Non è presente alcun preferito. Clicca sull'iconcina "+" di una vetrina per aggiungere la struttura alla lista.

    Monumenti Bologna: Palazzo Re Enzo

    Il Palazzo Re Enzo si trova nella centralissima piazza Maggiore a Bologna, di fianco al Palazzo del Podestà e di fronte alla Fontana del Nettuno. L'edificio fu costruito nel 1245 per ospitare assemblee cittadine. Doveva inizialmente chiamarsi “Palatium Novum” (Palazzo Nuovo) ma divenne conosciuto con il nome di “Palazzo Re Enzo”. Perché?

    Clicca sull’icona dell'hotel che ti interessa per aggiungerlo alla lista dei tuoi hotel preferiti. Quando desideri, potrai poi inviare una richiesta preventivo a tutti gli hotel salvati tra i tuoi preferiti.

    Monumenti d'Italia: Palazzo Re Enzo, Bologna

    palazzo re enzo bolognaImmediatamente tre anni dopo la fine dei lavori divenne la dimora (forzata) di Re Enzo, figlio dell'Imperatore Federico II di Svezia, che era stato catturato nei pressi di Modena. Enzo vi rimase fino al 1272, anno in cui morì. Fu sepolto nella basilica di San Domenico. Al piano terra del Palazzo si ospitava la zona “militare”, il carroccio e le altre macchine e al primo piano gli uffici pubblici e la cappella. Nel 1386 venne realizzata, al primo piano, la Sala del Trecento da Antonio di Vincenzo che poi sede dell'archivio comunale. Dalla destra del Palazzo Re Enzo si accede alla Cappella dei Carcerati, in cui venivano condotti i condannati a morte.

    Ci sono numerose leggende che girano intorno alla figura di Enzo: pare che fossero stati proposti a Bologna riscatti consistenti, che la città rifiutò. Inoltre, si dice che sebbene Re Enzo passasse le giornate con gli altri prigionieri, la notte venisse appeso in una gabbia legata al soffitto. Pare inoltre che il Re abbia avuto figli durante la prigionia: il più famoso fu quello che viene attribuito all'amore con una contadina, Lucia di Viadagola, e che prese il nome di Bentivoglio. Da lui di narra sia nata la famosa casata.